Un socio che porta in associazione il decoder per vedere partita con amici è responsabile penalmente?

in abbonamento


Nel caso esaminato dal Tribunale di Bari la risposta è stata no ma anche perché si configuravano una serie di elementi a “discolpa". 


 leggi tutto »


Gestione separata INPS: da luglio contribuzione incrementata per garantire la disoccupazione.

consulta liberamente


E' previsto un incremento dell'aliquota contributiva per alcuni iscritti alla Gestione separata INPS finalizzato a garantire la disoccupazione: sul tema è intervenuta l'INPS con la Circolare n.115 del 19/7/2017 


 leggi tutto »


#RiformadelTerzosettore 3: lo Sport dilettantistico e la riforma.

in abbonamento


La Circolare analizza gli effetti che il Codice del Terzo settore può dispiegare sulle associazioni sportive dilettantistiche.
Partendo dalla non obbligatorietà dell’iscrizione nel Registro Unico del Terzo settore, ci si interroga in merito ai tempi di maturazione della decisione, ai pro e contro dell’assunzione della qualifica di Ente del Terzo settore e in particolare di Associazione di promozione sociale, analizzando i diversi adempimenti gestionali e contabili nonché i diversi regimi fiscali. Si conclude la trattazione con l’analisi delle associazioni sportive dilettantistiche che risultano già iscritte nel Registro delle associazioni di promozione sociale. 


 leggi tutto »


Comunicazione periodica dati fatture emesse e ricevute (ex spesometro)

consulta liberamente


Riepiloghiamo le caratteristiche fondamentali dell'adempimento relativo alla comunicazione dei dati fatture (ex Spesometro).


 leggi tutto »


#RiformadelTerzosettore 2: il quadro della riforma.

consulta liberamente


Analisi generale della Riforma del Terzo settore alla luce dei Decreti Legislativi già pubblicati ma tenendo presente le diverse tempistiche di operatività della riforma, dei numerosi Decreti attuativi che devono ancora essere pubblicati, della circolare dell'Agenzia delle Entrate in fase di elaborazione e la possibilità per il Governo di intervenire con Decreti correttivi entro un anno dalla pubblicazione della riforma.


 leggi tutto »


Proroga al 28 Settembre 2017 della comunicazione dati fatture (ex spesometro).

consulta liberamente


Con il Comunicato stampa n. 147 del  01/09/2017, il Ministero Economia delle Finanze annuncia la proroga al 28 Settembre 2017 (scadenza originaria 18 Settembre 2017) del termine ultimo per la Comunicazione dei dati delle fatture emesse e ricevute relative al primo semestre 2017.


 leggi tutto »



Agenzia delle Entrate Direzione regionale Piemonte - Associazioni Sportive Dilettantistiche: come fare per non sbagliare

consulta liberamente

Sommario

1. COS’È UN’A.S.D.?

2. COSTITUZIONE E GESTIONE DI UNA ASD

3. E FISCALMENTE?

4. I COMPENSI EROGATI DALLE ASD

5. LE ONLUS

6. COME FINANZIARE UN’ASD

7. E SE ARRIVA UN CONTROLLO?

8. E SE HO QUALCHE DUBBIO?

  scarica PDF

Agenzia delle Entrate Direzione Reg.le Sardegna: il lavoro sportivo e le novità del registro CONI

consulta liberamente

Il CONI Sardegna ha presentato, nel corso del convegno organizzato il 15 e 17 febbraio 2017 con la Direzione Regionale dell'Agenzia delle Entrate Sardegna, alcune interessanti slide 

  scarica PDF

Agenzia delle Entrate Direzione Reg.le Sardegna: agevolazioni e adempimenti fiscali ASD/SSD

consulta liberamente

La Direzione Regionale della Sardegna ha presentato, nel corso del convegno organizzato il 15 e 17 febbraio 2017 con il CONI Sardegna, alcune interessanti slide   

  scarica PDF

Agenzia delle Entrate Direzione Reg.le Sardegna: la fiscalità delle ASD/SSD

consulta liberamente

L'Agenzia delle Entrate, Direzione Regionale della Sardegna, ha illustrato nel corso del convegno organizzato il 15 ed il 17 febbraio 2017 con il CONI Sardegna, la disciplina fiscale delle associazioni sportive dilettantistiche.

  scarica PDF

Censimento Istat su Istituzioni non Profit

consulta liberamente

La presente nota ha come obiettivo quello di supportare gli enti associativi nella compilazione del questionario Istat alla luce delle informazioni fornite dall’Istituto di statistica e delle risposte ai quesiti posti all’Istituto dal Forum Nazionale per il Terzo Settore con riferimento al censimento del 2012, in parte coincidente con la versione attuale.  

  scarica PDF

Terza Indagine Indici di Efficienza Economica nell'attività di ricerca fondi

consulta liberamente

L'Istituto Italiano Donazione svolge periodicamente un'indagine dedicata agli indici di efficienza economica dei propri associati. Questa ricerca mostra come i soci dell'Istituto dedichino alla propria missione ben l'80% circa delle proprie risorse ed, in media, spendano solo 20 centesimi per raccogliere un euro. Non va però dimenticato che vi sono importati differenze tra singole realtà e che quindi non è corretto avere come unico benchmark di valutazione la sola percentuale di investimento nella mission. Dall'indagine emerge chiaramente che le raccolte fondi più efficienti risultano essere quelle realizzate da organizzazioni con maggiore esperienza temporale in questa direzione e che possono permettersi un investimento per potenziarne ed innovarne le modalità. La raccolta fondi è un'attività di relazione da curare ogni giorno, anche alla luce del fatto che i privati si confermano essere la fonte di finanziamento principale”. 

  scarica PDF

La responsabilità nelle associazioni

in abbonamento

LA RESPONSABILITÀ NELLE ASSOCIAZIONI.

Premesse
CAP. 1. INTRODUZIONE
Par. 1 - Un breve cenno alla responsabilità penale
Par. 2 - La responsabilità amministrativa derivante dal compimento di determinati reati
Par. 3 - La responsabilità amministrativa
Par. 4 - La responsabilità da illecito tributario

CAP. 2. LA RESPONSABILITÀ CIVILE NELL'ASSOCIAZIONE
Par. 1 - Premesse
Par. 2 - La responsabilità extracontrattuale
Par. 3 - La responsabilità per cose in custodia
Par. 4 - La responsabilità dell'insegnante
Par. 5 - La responsabilità indiretta dell'associazione
Par. 6 - Il danno da attività pericolosa
Par. 7 - Il danno da cose in custodia
Par. 8 - Il danno cagionato da animali

CAP.3 - LA RESPONSABILITÀ IN AMBITO SPORTIVO

Par. 1 - Premesse
Par. 2 - La c.d. scriminante sportiva
Par. 3 - Attività con minori e responsabilità dell'insegnante
Par. 4 - La responsabilità indiretta del centro sportivo
Par. 5 - Quando lo sport è attività pericolosa
Par. 6 - L'attività di equitazione
Par. 7 - La responsabilità dell'organizzatore di gare
Par. 8 - La responsabilità nell'organizzazione di competizioni su strada
Par. 9 - La responsabilità del gestore di impianto sciistico

APPENDICE
Note bibliografiche e giurisprudenziali

 


Il lavoro in ambito associativo

in abbonamento

SOMMARIO

INTRODUZIONE

PARTE PRIMA - FORME DI IMPEGNO

Cap.1 - Il "lavoro gratuito".
Par.1 - La qualificazione della collaborazione gratuita.
Par.2 - Il rimborso delle spese sostenute

Cap.2 - Il servizio civile
Par.1 - La definizione di "servizio civile".
Par.2 - I soggetti che possono attivarlo.
Par.3 - Come diventare operatori in servizio civile.
Par.4 - Il servizio civile regionale.

Cap.3 - Stage e tirocini.
Par.1 - Gli stage o tirocini "tipici".
Par.2 - Gli stage o tirocini "atipici".

Cap.4 - Gli emolumenti in ambito sportivo
Par.1 - Premesse.
Par.2 - Chi può erogare compensi sportivi.
Par.3 - Cosa sono i compensi sportivi.
Par.4 - Il trattamento fiscale.
Par.5 - Il regime previdenziale e assicurativo.
Par.6 - Gli adempimenti a carico del sodalizio
Par.7 - Gli adempimenti a carico del percettore.
Par.8 - Le collaborazioni amministrativo gestionali.
Par.9 - Aspetti previdenziali ed assicurativi delle collaborazioni amministrativo-gestionali.
Par.10 - Adempimenti conseguenti all'instaurazione di collaborazioni amministrativo - gestionali.

Cap. 5 - Gli emolumenti in ambito musicale.
Par.1 - Premesse
Par.2 - Cosa si intende per cori, bande musicali e filodrammatiche e chi può percepire questi rimborsi forfettari.
Par.3 - I chiarimenti dell'ENPALS.

Cap.6 - Dipendenti pubblici in prestito: una opportunità a tempo determinato.
Par.1 - Premesse
Par.2 - Quanto resta aperta la finestra ed entro quando è possibile presentare la richiesta.
Par.3 - Quali dipendenti pubblici possono accedere.
Par.4 - Quale tipo di impegno è richiesto al lavoratore.
Par.5 - In quali organizzazioni è possibile svolgere l'attività di volontariato.
Par.6 - Una facoltà dell'Amministrazione, non un diritto del lavoratore.
Par.7 - Cosa succede quando si va veramente in pensione.

PARTE SECONDA - LE COLLABORAZIONI DI NATURA AUTONOMA.

Cap.1 - La prestazione del titolare di partita IVA.
Par.1 - Gli adempimenti a carico del professionista.
Par.2 - Gli adempimenti a carico del sodalizio.

Cap.2 - La collaborazione occasionale pura.
Par.1 - Qualificazione del rapporto.
Par.2 - Trattamento fiscale del compenso erogato.
Par.3 - Aspetti previdenziali ed assicurativi.
Par.4 - Adempimenti a carico del committente.

Cap.3 - La collaborazione occasionale coordinata.
Par.1 - Qualificazione del rapporto.
Par.2 - Trattamento fiscale del compenso erogato.
Par.3 - Aspetti previdenziali ed assicurativi
Par.4 - Adempimenti a carico del committente.

Cap.4 - La collaborazione occasionale accessoria.
Par.1 - Qualificazione dei rapporti.
Par.2 - Prestazioni riconducibili alle collaborazioni occasionali di tipo accessorio.
Par.3 - Gli adempimenti a carico del collaboratore.
Par.4 - Gli adempimenti a carico del committente.
Par.5 - La quantificazione del compenso.
Par.6 - La tutela assicurativa.

Cap 5 - La collaborazione coordinata e continuativa a progetto.
Par.1 - Qualificazione del rapporto di collaborazione a progetto
Par.2 - Definizione degli accordi contrattuali.
Par.3 - Effetti dell'omessa individuazione di uno specifico progetto, programma di lavoro o fase di esso in sede di affidamento dell'incarico.
Par.4 - Collaborazione a progetto e previsione di un un orario di lavoro.
Par.5 - Quantificazione del compenso.
Par.6 - Estinzione del rapporto.
Par.7 - Corresponsione del compenso all'associato e relativo trattamento fiscale
Par.8 - Aspetti previdenziali e assicurativi.
Par.9 - Adempimenti a carico del committente

Cap.6 - Le collaborazioni coordinate e continuative.

Cap.7 - Le indennità di carica.

Cap. 8 - Il contratto di associazione in partecipazione.
Par.1 - Qualificazione del rapporto.
Par.2 - Instaurazione del rapporto
Par.3 - Adempimenti a carico del sodalizio.
Par.4 - Corresponsione del compenso all'associato e relativo trattamento fiscale.
Par.5 - Aspetti previdenziali ed assicurativi

APPENDICE

MODELLI

NOTE



GESTIRE IL 5XMILLE

consulta liberamente

Indice

PREMESSE

1. Cos’è il 5xmille?
2. Le novità del 2016 e quelle che si attendono a breve.

3. Le criticità che la riforma del 5xmille dovrebbe risolvere.
4. Quali organizzazioni possono accedere al 5xmille?

PARTE PRIMA - LA DISCIPLINA COMUNE

1. Quali risorse è possibile percepire?
2. Chi eroga i contributi?
3. Come farsi liquidare i contributi?

4. Come predisporre il rendiconto?
5. Devo spendere necessariamente tutto entro un anno dal ricevimento del contributo?

6. Cosa succede ai soldi del 5xmille se l’associazione si scioglie?
7. Cosa succede in caso di controllo?

8. Casi pratici.

PARTE SECONDA - LA DISCIPLINA DISTINTA A SECONDA DELLA
TIPOLOGIA DI DESTINATIARIO.

I. IL 5xMILLE PER GLI ENTI DEL VOLONTARIATO.

1. Chi rientra in questa categoria?
2. Qual è l’iter previsto per accedere al beneficio?
3. Cosa succede se non ho adempiuto nei termini?
4. Come si rendicontano i fondi?
5. Devo trasmettere il rendiconto?  Se si, a chi?

II - IL 5xMILLE LE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE.

1. Chi rientra in questa categoria?
2. Qual è l’iter previsto per accedere al beneficio?
3. Cosa succede se non ho adempiuto nei termini?
4. Come si rendicontano i fondi?
5. Devo trasmettere il rendiconto?  Se si, a chi?

III - IL 5xMILLE PER GLI ENTI DELLA RICERCA SCIENTIFICA E UNIVERSITARIA.

1. Chi rientra in questa categoria?
2. Qual è l’iter previsto per accedere al beneficio?
3. Cosa succede se non ho adempiuto nei termini?
4. Come si rendicontano i fondi?
5. Devo trasmettere il rendiconto?  Se si, a chi?

IV - IL 5xMILLE PER GLI ENTI DELLA RICERCA SANITARIA

1. Chi rientra in questa categoria?
2. Qual è l’iter previsto per accedere al beneficio?
3. Cosa succede se non ho adempiuto nei termini?
4. Come rendicontare i fondi?
5. Devo trasmettere il rendiconto?  Se si, a chi?

V - IL 5xMILLE PER GLI ENTI CHE SVOLGONO LE ATTIVITÀ DI TUTELA, PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E PAESAGGISTICI

1. Chi rientra in questa categoria?
2. Qual è l’iter previsto per accedere al beneficio?
3. Cosa succede se non ho adempiuto nei termini?
4. Come rendicontare i fondi?
5. Devo trasmettere il rendiconto?  Se si, a chi?

PARTE TERZA - COME SI ESERCITA L’OPZIONE DEL 5XMILLE

APPENDICE

1. Legge 23/12/2014 n° 190 art.1 comma 154.
2.
DPCM 23/04/2010 (Aggiornato con le modifiche apportate anche dal D.P.C.M. 7 luglio 2016).
3.
DPCM 28/17/2016.
4.
Direzione generale per il Terzo Settore e le formazioni sociali “Linee guida per la predisposizione del
    rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell’IRPEF”.

5.
F.A.Q. del Ministero del Lavoro.

SCARICA PDF

Nessun video caricato al momento...

Contatti

Siete interessati ad avere maggiori informazioni sui nostri servizi?
Non esitate a contattarci.

I nostri uffici sono presenti a:

Bologna - Sede legale ed operativa

Via S. Maria Maggiore n.1
40121 Bologna
Tel. 051/238958
Fax 051/225203

Si accede anche da Via Riva di Reno n.75/3, terzo piano, ingresso UISP Comitato Regionale Emilia Romagna

 

Reggio Emilia - Sede decentrata

c/o UISP Comitato Reggio Emilia

Via Tamburini n.5
42100 Reggio Emilia (RE)
Tel. 0522/267207
Fax: 0522/332782


Si riceve su appuntamento.

© 2016 Arsea s.r.l - via S.Maria Maggiore, 1 - 40121 Bologna - P.IVA 02223121209

Contratto       Privacy Policy